fbpx
Annibale Carracci, Ercole al bivio tra il Vizio e la Virtù, 1596

Libero arbitrio

  “Non è Dio, il Signore onnipotente, a indurre le persone ad agire, né è causa delle azioni o delle conseguenze che tali azioni hanno sull’autore. Tutto ciò è piuttosto il prodotto dei condizionamenti di ciascun individuo.”Bhagavad-gītā 5.14न कर्तृत्वं न कर्माणि लोकस्य सृजति प्रभु: ।
न कर्मफलसंयोगं...

Continua a leggere

Michelangelo Buonarroti, Mosè, 1515

Il leader

“Qualunque azione compia una guida illuminata, le persone comuni seguono le sue orme. Ella offre il modello al quale il mondo intero si ispira.”Bhagavad-gītā 3.21यद्यदाचरति श्रेष्ठस्तत्तदेवेतरो जनः ।
स यत्प्रमाणं कुरुते लोकस्तदनुवर्तते ॥yad yad ācarati śreṣṭhas
tat tad evetaro janaḥ
sa yat pramāṇaṁ...

Continua a leggere

Il Gran viaggio

“Il Gran Viaggio comincia con il riconoscere la brevità della vita incarnata, la nostra inadeguatezza di fronte ai problemi esistenziali e con il sentire l’impellente urgenza di realizzare la migliore versione di sé stessi”.  La forza che ho percepito in questa affermazione del Maestro, tratta...

Continua a leggere

Bible Moralisée, Dio come architetto del mondo, 1220-1230

Ecologia ed economia spirituale

“In questa dimensione materiale, gli esseri viventi sussistono in virtù del cibo, il quale è prodotto grazie alla pioggia. La pioggia è regolarmente dispensata in forza del sacrificio, [che ripristina l’armonia nell’universo] e che è fondato su un agire umano volto a celebrare la propria relazione...

Continua a leggere

Caravaggio, San Girolamo, 1606

Il praticante

  “D’altro canto, colui il quale, orientando i sensi con intenzione determinata e libero dal desiderio di godere del frutto delle proprie azioni, si impegna in atti volti all’elevazione coscenziale e alla realizzazione della propria natura divina, si distingue per il suo valore.”Bhagavad-gītā...

Continua a leggere

Luca Signorelli, Predica dell’Anticristo, 1502

Il falso maestro

  “Colui il quale, pur reprimendo i sensi, continua a custodire nella mente l’immagine degli oggetti bramati, ignora il vero senso della vita e dev’essere considerato un ipocrita.”Bhagavad-gītā 3.6कर्मेन्द्रियाणि संयम्य य आस्ते मनसा स्मरन् ।इन्द्रियार्थान्विमूढात्मा मिथ्याचारः स उच्यते ॥ ६ ॥karmendriyāṇi...

Continua a leggere

René Magritte, L’impero delle luci, 1953

È questione di punti di vista

  “Colui che è padrone di sé, della propria mente e delle proprie passioni, veglia quando è notte per tutti gli esseri viventi. Mentre quando vegliano gli esseri viventi, quella è la notte per il saggio veggente.”Bhagavad-gītā 2.69या निशा सर्वभूतानां तस्यां जागर्ति संयमी ।यस्यां जाग्रति भूतानि...

Continua a leggere

Pieter Mulier (detto "il Tempesta"), Tempesta in mare, 1690

Un invito al rigore

"Come il vento spazza via una nave sull’acqua, così anche uno tra gli irrequieti sensi, quando assecondato dalla mente, porta via l’intelligenza di una persona."Bhagavad-gītā 2.67इन्द्रियाणां हि चरतां यन्मनोऽनुविधीयते ।
तदस्य हरति प्रज्ञां वायुर्नावमिवाम्भसि ॥indriyāṇāṁ hi caratāṁ
yan mano ’nuvidhīyate
tad...

Continua a leggere

Michelangelo Buonarroti, Creazione di Adamo, 1511

Gratitudine

"Dio è l’eterno tra gli eterni, il cosciente tra i coscienti, il principio unitario che sottende alla molteplicità degli esseri e l’uno che soddisfa i desideri di tutti. I saggi che ne percepiscono la presenza nel cuore realizzano la pace eterna. Non gli altri."Kaṭha-upaniṣad 2.2.13नित्यो नित्यानां...

Continua a leggere

INFORMAZIONI DI CONTATTO

  • (+39) 0587 733730

  • (+39) 0587 739898

  • (+39) 320 3264838

  • Via Manzoni 9A, Ponsacco (PI)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Copyright © Centro Studi Bhaktivedanta, tutti i diritti sono riservati. P.IVA 01636650507 C.F. 90021780508
Informativa sulla Privacy e Cookies